Buck di Serena Bianca De Matteis

Buck

di Serena Bianca De Matteis

13567517_1793562534208401_2384297057851282612_n

«Non sapevo nemmeno cosa dargli da mangiare, nessuno mi aiutava. Isaias… mio padre non voleva che lo tenessi. Mi sono opposto. Ho cercato in giro, ho studiato e mi sono tipo trasformato in una lupa. Lo volevo.»

Buck alzò la testa e fissò il ragazzo negli occhi.

«Lui è mio.»

 

Amanti degli animali, ci siete? ❤

Buck è un lupo ma cresce come qualcuno che non è. Heath è figlio di un amore e di un dolore, ma cresce come un ragazzo normale. Il giorno in cui si incontrano, nella foresta, Buck diviene un cane ed Heath il suo padrone. Non possono più fare a meno l’uno dell’altro. Heath cresce, fiero e alto e bello, e così lo segue Buck, straordinario lupo capace d’affetto, che è sempre più pesante, sempre più grosso.

Ma molte cose non sono per sempre.

L’amore, per esempio. Gli amori mai nati, i ritardi e gli imprevisti: la strada è la stessa ma c’è chi arriva prima, chi arriva dopo, e per quanto corri è inutile. Sei come Achille che rincorre una tartaruga senza raggiungerla mai.

Ed Heath non scorderà mai gli occhi di lei mentre le dice addio.

Ci sono molte lei in questa storia. C’è una lei madre, una lei amante, una lei ragazzina-sorellina-palla-al-piede. Heath ne conosce un po’ di tutti i tipi e le ama tutte, certe troppo, certe non abbastanza, certe per niente. Ma la vita è lunga e lui è solo un ragazzo appena cresciuto.

Questo libro si legge inesorabilmente. Una volta che lo apri, è finita: un po’ come il vaso di Pandora da cui vengono fuori i mali del mondo, ma in questo caso ti travolge una tempesta di emozioni, fredda come il vento di montagna e calda come gli spasmi di un fuoco appena acceso.

Con la carezza della magia ed un paio di grandi occhi azzurri.

Molti autori italiani applaudirebbero: l’artificio di straniamento è ben riuscito, la tecnica narrativa di Serena si presta alla voce di Heath, agli occhi di Heath, al cuore di Heath, anche… a qualcos’altro, di Heath, con dolcezza, crudezza, sorpresa, ironia, commozione.

Con tutto ciò che rende Heath un uomo.

 

Cos’hanno in comune Heath e Buck, il suo cane? Molte cose: entrambi sono giovani, pieni di energia e vivono sul confine tra due mondi. Buck è per metà lupo, Heath appartiene alla riserva Lakota e anche al mondo «di fuori», bianco e tecnologico. Ma c’è di più, anche se i due non lo sanno: un’eredità sconvolgente sepolta dentro a ricordi lontani. 
Quando il richiamo della vita adulta diventa perentorio, per entrambi si prospettano scelte difficili, rivelazioni e incontri che cambieranno loro la vita.
E la scoperta di un terzo mondo nascosto, governato dalla magia che permea tutte le cose.

 

Compralo qui! 

Ho avuto l’onore e il piacere di conoscere la scrittrice tanto tempo fa, quando entrambe fantasticavamo su come sarebbe stato bello scrivere una storia tutta nostra. Sono così felice che ce l’abbia fatta con questa storia stupenda.

Alla prossima,

Arianna ❤